Cinque (7): i 5 migliori spot pubblicitari girati da maestri del cinema

Molte volte famosi registi hanno prestato i loro servigi per il mondo della pubblicità ed è così che al posto di un noioso contrattempo lo spot può rivelarsi un piccola esperienza cinematografica da non lasciarsi sfuggire. Gli esempi sono tantissimi:  Francis Ford Coppola che cita “lo sceicco bianco” di Fellini per il caffè Illy, le modelle oro vestite di Lynch per Gucci che ondeggiano sulle note di Heart of Glass, Dario Argento che con inquadrature spettacolari reclamizza la fiat Croma, il grande campo di grano in cui Wim Wenders inscena lo scorrere del tempo sull’instancabile lavoro del contadino Barilla, il toccante discorso di Gandhi ripreso da Spike Lee per la Telecom… se il tema vi appassiona vi consiglio la rubrica di questo sito (http://www.bestmovie.it/speciali/rubrica-spot-dautore-quando-il-cinema-invade-la-tv/51751/ ),  per il resto ecco la mia personale classifica :

5: Sam Raimi per Absolut Vodka: il nostro tanto amato regista di B-movie gira questo spot come se fosse un trailer per un filmaccio western: cosa si nasconde dentro la custodia del cow-boy sciupafemmine? Non fatevi ingannare dalla forma a chitarrina, è qualcosa di molto più cool…
 
4:Ridley Scott per Apple: chi meglio dell’autore di Blade Runner per il lancio del nuovo computer Macintosh? In una distopica atmosfera orwelliana le coscienze lobotomizzate dal pensiero unico-windows stanno per essere risvegliate da un atletica signorina indossante t-shirt che rimanda al primo desktop del Mac. una nuova era dopo si è aperta davvero…

3: Woody Allen per Coop: qui sul podio saliamo di livello, quasi in un’altra galassia con gli alieni che si interrogano se sostare o meno per fare la spesa sulla terra, disgustati dall’uso degli additivi l’unico posto accettabile per loro sembra essere la Coop. Ritorna invece l’ironia verso il mondo intellettuale tipica delle commedie di Allen nel macinato esposto ad opera d’arte in cui “vibra tutta la nostra crisi esistenziale”…

2: Fellini per Campari: anche nella pubblicità l’atmosfera onirica del maestro non manca mai e in treno si può fare zapping sul paesaggio in un finestrino tv che mostra le bellezze italiche. Fantastico!

1: Sergio Leone per Renault: a mio modesto parere questo è il più spettacolare, anche il più tamarro volendo. La macchina incatenata è una bestia con vita propria e la colonna sonora Morriconiana non fa che aumentare l’impatto dello spot, con tanto di citazione melodica beethoviana finale. Un vero cult che viene pure parodiato in quella trashata di “Attila flagello di dio”

 

Laura Agnusdei