Cinzia, ”la donna che ogni uomo vorrebbe essere”

Dettaglio della copertina

 

Nei suoi ultimi giorni, il 2018 ci ha regalato un’ultima perla per cui festeggiare: CINZIA.
La nuova arrivata in casa Bao Publishing, nata dalla china di Leo Ortolani.
Dopo quasi due anni di lavoro, Ortolani pubblica la storia di uno dei personaggi più epici, forti e
amati della sua celeberrima saga Rat-Man.

Chi è Cinzia?
Difficile a dirsi! E’ una domanda alla quale la protagonista stessa cerca di trovare una risposta per
tutto l’arco della narrazione, con prove ed errori.
Possiamo affermare con certezza che Cinzia è transessuale, è biondo platino, ma soprattutto è una
macchia.
Leo Ortolani per presentarla, dice che Cinzia non vuole essere altro che sè stessa: non vuole
definizioni, non vuole essere una donna, un uomo… Cinzia è Cinzia.

Il suo personaggio nasce per riempire lo spazio di una battuta ma velocemente, dopo l’epifanico
incontro con il Ratto, cresce fino a trovare la via per un percorso personale.
Diventa la protagonista di alcuni stand alone come ‘’Cinzia la Barbara” o “La Gladiatora”. Diventa
un personaggio a tutto tondo, una vera eroina.
Ed ora possiamo ammirarla negli scaffali delle librerie, vestita di leopardata fierezza, con i suoi
trenta centimetri in più!
Esce dalle pagine un personaggio che dire tridimensionale è poco e si crea un miracoloso equilibrio
che solo Ortolani poteva architettare. Tra comicità esilarante, doppi sensi, riflessioni profonde,
battute fulminanti e colpi bassi allo stomaco, conosciamo un personaggio immenso.
Cinzia potrebbe essere ognuno di noi (e a qualcuno farebbe anche comodo), ma più di
ogni altra cosa: ‘’Cinzia è la donna che ogni uomo vorrebbe essere’’.

Con questo massiccio romanzo grafico, Leo Ortolani racconta Cinzia tra amore, consapevolezza di
sé, esposizione dell’ipocrisia dei perbenisti, pathos, comicità e musical. Ebbene sì, pure musical!
Abbiamo avuto la fortuna di assistere ad una data del tour di presentazione e niente di più vero fu
mai stato detto: “Ortolani ha la capacità di spostare un secchio di merda con un bastone corto’’. E
questa volta, il bastone è molto, molto corto.
Non vogliamo anticiparvi di più perché a Cinzia piace essere scoperta pian piano!
Buona lettura
-Radiografie