Sesta avventura per gli “Agents of S.H.I.E.L.D.”

Agents of S.H.I.E.L.D” è una serie tv ideata nel 2013 da Joss Whedon, regista del film di successo “The Avengers”. Entrambi i prodotti rientrano nel cosiddetto MCU; con questa sigla si intende il Marvel Cinematic Universe, cioè, come dice il nome, un universo cinematografico che porta in scena le vicende dei personaggi creati nei fumetti Marvel. In particolare questa serie spin-off delle avventure cinematografiche racconta le avventure di Phil Coulson, introdotto già nel film citato, e di un gruppo di agenti dello S.H.I.E.L.D. (dall’inglese “scudo”), agenzia segreta che combatte le minacce superumane e aliene. Pian piano si distaccherà per prendere una strada autonoma rispetto agli eroi visti al cinema.Nel 2019 esce la sesta stagione, che rispetto alle precedenti presenta una differenza. Infatti se fino alla quinta le puntate sono suddivise in cicli narrativi che si susseguono e presentano minacce da sconfiggere una dopo l’altra, nell’ultima la storia si divide in due direzioni diverse portando anche alla separazione del team dei protagonisti. Inoltre se prima si spaziava dallo spionaggio alla fantascienza, ora prevale il secondo genere. Continuano ad esserci effetti speciali ben fatti e credibili e scene d’azione coinvolgenti.

Dopo una partenza non delle migliori, nelle successive stagioni la serie si sviluppa su piste interessanti ed esplora scenari fumettistici che nei film non sono presenti. Tuttavia in questa ultima avventura, sono numerosi i difetti che le caratterizzano. Innanzitutto quasi tutti i personaggi sono privi di evoluzione e il team resta invariato, se non per qualche novità secondaria. Ci sono comunque alcuni colpi di scena, di cui uno in particolare costituirà una notevole sorpresa e attirerà l’attenzione degli spettatori. Inoltre, come detto prima, abbiamo due cicli narrativi raccontati insieme e ognuno di questi presenta un diverso villain, termine con cui si indica il cattivo. Da un lato abbiamo un personaggio abbastanza piatto, senza alcun tipo di sviluppo sostanziale tanto che si arriva a dimenticarsene; del resto appartiene alla storia ambientata nello spazio, che risulta lenta, senza eventi e situazioni avvincenti se non alla fine. D’altro canto il secondo nemico, vera sorpresa della serie, risulta più carismatico, con un’evoluzione interessante che coinvolgerà tutti i protagonisti anche se con un brusco finale affrettato.

Qui sotto trovate il link al trailer della sesta stagione. Buona visione!