La facoltà di Ingegneria a Modena festeggia i 30 anni dalla nascita

L’Ingegneria a Modena è una di quelle realtà profondamente legate al proprio territorio: qui l’ambiente accademico e di ricerca è strettamente connesso con il mondo del lavoro. Fanno parte di questa facoltà più di 5000 studenti e più di 100 professori e ricercatori di ruolo, ma sono presenti anche numerosi assegnisti di ricerca. Per la ricorrenza dei 30 anni dalla sua istituzione Unimore ha realizzato un sito del trentennale (consultabile cliccando qui). Nata come un corso di studi che presentava solo due percorsi possibili (Ingegneria dei Materiali e Ingegneria Informatica), si è poi evoluta in una realtà accademica di una notevole importanza diventando nel 2012 il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”. Come riconosciuta eccellenza scientifica comprende oggi 16 corsi di laurea e laurea magistrale, 1 corso di laurea professionalizzante e 2 Corsi di dottorato di ricerca. La qualità e l’alta efficienza di questa facoltà si sono riscontrate anche nell’affrontare l’emergenza CoronaVirus per permettere che tutte le attività continuassero. In poco tempo è stata abilitata la didattica a distanza, come le sessioni di laurea e le procedure di lavoro flessibile soprattutto per le attività di ricerca: gli effetti sono stati ottimi, con 230 esami svolti a distanza e 241 lauree, tra triennali e magistrali. In particolare è stata assegnata la prima Laurea Magistrale in “Electronics Engineering”, in collaborazione con l’università brasiliana UTFPR.

L’attività di ricerca è il fulcro del legame dell’università con il mondo imprenditoriale locale che da sempre ha promosso lo sviluppo di questo Dipartimento; questo portato a creare relazioni nazionali e internazionali che garantiscono contratti di ricerca per più di sei milioni all’anno. Per saperne di più sull’organizzazione di questo ambito e per leggere le dichiarazioni del Direttore di Dipartimento Professore Massimo Borghi e del Magnifico Rettore Professor Carlo Adolfo Porro, cliccate qui.