“Intelligenza artificiale e robotica: questioni e casi pratici”, l’evento di UNIMORE per discutere della robotica applicata al sistema sanitario

L’avvento di nuove tecnologie nel campo della robotica porta con sè tutta una serie di riflessioni sulle loro implicazioni etiche in diversi ambiti, in particolare in quello sanitario. Per questo motivo il CRID (Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità di UNIMORE) ha dato origine ad un evento online: si è tenuto il 15 dicembre in modalità online sulla Piattaforma Teams, alle 10:30.

L’evento è stato progettato dal gruppo di lavoro interno al CRID dal nome “Salute e nuove tecnologie”, diretto dal Prof. Gianluigi Fioriglio. Quest’ultimo è anche l’autore del saggio “Informatica medica e diritto: un’introduzione”, da cui sono tratte molte delle tematiche affrontate nell’evento in questione. L’obiettivo di questo incontro telematico è delineare un vero e proprio metodo per stabilire come l’informatica medica, disciplina con importanti risvolti nella società contemporanea, si possa evolvere nel rispetto di alcune norme giuridiche e di valori basilari per l’ordinamento costituzionale democratico.

Il via ai diversi interventi è stato dato dal Prof. Thomas Casadei del CRID, a cui sono seguite le parole del Prof. Fioriglio e del Dott. Marco Carini di Hespro; tra CRID ed Hespro si avvia in questo modo la terza collaborazione per un nuovo progetto in merito all’implementazione di nuovi strumenti di robotica medica.

E’ seguito poi un dibattito, introdotto e diretto dalla Dott.ssa Serena Vantin (“Salute e nuove tecnologie del CRID), a cui si sono unite numerose figure autorevoli provenienti da diversi Atenei in tutta Italia (Napoli, Bologna, Milano).