I tweet di @radiorumore

borea

Cinque - Le 5 migliori sbronze PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Gabriele   
Mercoledì 09 Maggio 2012 23:08

Come promesso ai miei colleghi e vista la strada che anche noi abbiamo intrapreso (illuminata dalla luce dell'Aperitivo) e che ci porta ad annaffiare di vino anche gli Spaghetti, ecco la topfive della settimana: 5 grandi registi che come noi rendono omaggio a Dioniso
(in ordine cronologico).

5. 'Le notti bianche di Charlot' (o 'a night out'), C. Chaplin, 1915. Breve commedia degli equivoci per raccontare le avventure dei due sgangherati e ubriachi protagonisti.
33 minuti di episodi divertenti.
E anche in 'City Lights' è riproposto il tema: "attento a come guidi!" 
"sto guidando?"


4. 'i racconti del terrore', ep. del gatto nero, R.Corman, 1962
Peter Lorre, già ubriaco prima di iniziare, e Vincent Price nei panni di un sommellier, danno il via ad un serratissimo duello enologico. Le bottiglie si accumulano finchè qualcuno inizia a non vederci più.


3. 'Animal house', J. Landis, 1978
Questo è un film in cui la bottiglia fa sentire poco la sua mancanza ma la scena più bella, più conosciuta e che occorre sempre ricordare è quella in cui Bluto-Belushi tracanna Jack Daniels, noncurante della polizia. Era quello che gli serviva.


2. 'Apocalypse now', F.F.Coppola, 1979
"si sente bene, capitano?" 
"e a te che ti pare?"
Drammatico.


1. 'Carnage', Polanski, 2011
liquore e ironia nera, la ricetta per smascherare e scardinare l'ipocrisia borghese.
Situazioni assurde che hanno trovato il pieno consenso degli Spaghetti.
In vino veritas.