I tweet di @radiorumore

borea

Tre donne e una gamba

tre donne e una gambaDopo un anno di “Tre donne e una gamba” non si può tornare alla vita normale senza conseguenze. Piano piano Giulia, Lara e Chiara sono diventate sempre più scurrili… addirittura, quando in redazione è arrivata la rete da ping-pong l’unica cosa che abbiamo saputo dire a proposito del tavolo adibito al gioco è stata: "Ma non ce n’era uno più lungo?". Da qui abbiamo capito cosa ci serve (a parte quello…). Dobbiamo continuare a raccontare il magico, piccante, affascinante mondo del sesso… in un blog!
Benvenuti nel blog più impertinente di Rumore
Visualizza anche la pagina Facebook del programma; le puntate trascorse saranno ascoltabili on demand nella sezione podcast.



Linda, i chitarristi e le presentazioni importanti PDF Stampa E-mail
Scritto da CHIARA UGOSETTI   
Lunedì 14 Maggio 2012 18:50

tumblr lfwi174zOV1qbeumgo1 500Lo scorso weekend Reggio Emilia è stata protagonista indiscussa della fotografia in campo internazionale. Venerdì 11 maggio, infatti, è stata inaugurata la settima edizione di Fotografia Europea, un grandissimo evento che coinvolge tutta la città con mostre fotografiche esposte nelle gallerie, nei musei, nei palazzi, ma anche nei locali del nostro quotidiano, come bar e negozi. Il bello di Fotografia Europea è proprio questo: ovunque tu vada, in tutti gli angoli di Reggio Emilia, c'è sempre qualcosa da vedere col naso attaccato alla stampa - e se siete alti come me, col naso anche all'insù. Tra le mostre del circuito main, quello in cui risuonano i nomi bi-ai-gi della fotografia, c'è quella di Philip Townsend, allo Spazio Gerra, in cui viene raccontata attraverso le immagini la Swinging London degli anni Sessanta.

Leggi tutto...
 
Non penserete più solo ai cavalli PDF Stampa E-mail
Scritto da Giulia Giordano   
Sabato 31 Marzo 2012 11:37

isabella-rossellini-in-green-porno-53335Sicuramente vi ricorderete la puntata di Tre Donne e una Gamba dedicata al sesso tra animali e, perchè no, anche sesso tra animali e esseri (più o meno) umani.

La prima persona che ci viene in mente quando si parla specialmente di equini è sicuramente la porno star più disinibita della vecchia fattoria Cicciolina.

Lasciando in pace lo zio Tobia che ha già abbastanza problemi, adesso quando sento parlare di sesso e animali nella stessa frase mi viene in mente Isabella Rossellini.


L'attrice ha più volte dichiarato il suo amore per gli animali, platonico ovviamente, per questo ha messo in scena il Green Porno, una serie di mini-documentari sugli amori nel mondo animale.
Isabella Rossellini così si mette letteralmente nei panni degli animali per raccontare come funziona il loro sesso e il risultato sono 2 minuti di interessanti pratiche sessuali, con anche un po' di ironia.
La Rossellini ha detto a proposito di questa idea: “Il sesso interessa tutti. Così mi sono detta: due minuti di film sulla vita sessuale degli animali. Il sesso è l'esca per catturare il pubblico”. E non ha tutti i torti, noi Tre donne sappiamo quanto il sesso sia interessante.

Date un'occhiata al sadomaso tra lumache, ma prima ricordatevi di dire a YouTube di essere maggiorenni!

 
Cynthia faster, plaster, faster PDF Stampa E-mail
Scritto da CHIARA UGOSETTI   
Venerdì 23 Marzo 2012 11:50

Chi l'ha detto che la scultura sia una prerogativa delle celebrità pop, che si gettano tra le braccia della chirurgia estetica? Madonna ringiovanisce col passare degli anni, Victoria Beckham diventa sempre più antipatica e Bon Jovi riesce a mantenere il suo look anni 80, nonostante i suoi cinquant'anni.
Lasciamo da parte botulino e labbra a canotto, che proprio ora mi fanno ricordare un video divertente visto poco fa. Passiamo ad un mondo migliore, passiamo al rock.

cynthia70sNegli anni Settanta c'erano le rockstar che si affidavano alla chirurgia per sistemare i difetti, c'erano però altre rockstar che preferivano essere scolpite in un modo particolare.
Jimi Hendrix, Bob Henrit [Kinks], Ricky Fataar [Beach Boys], Jello Biafra [Dead Kennedys] sono alcuni dei nomi che hanno messo piede nella clinica più oltraggiosa che possa esistere: a casa di Cynthia Albritton, in arte - e che arte - Cynthia Plaster Caster.
Che cosa c'è di strano? Ebbene, Cynthia divenne famosa per aver realizzato, su calco, le sculture in gesso degli organi genitali di celebri rock star.

Buffo e geniale, no? Considerate che Cynthia proviene anche da una famiglia  cattolica conservatrice che la iscrisse al college, sicuramente non con l'idea che la figlia un giorno potesse calcare membri. Un giorno il professore d'arte le diede il compito di scolpire qualcosa di solido. Così, assieme ad un'amica, decise di immortalare i solidi ego dei musicisti che conosceva.
Purtroppo nel weekend non riuscì a portare a termine il su progetto, ma quello che doveva essere solo un compito, divenne un vero e proprio hobby per Cynthia. Raggiunse un piccolo grado di notorietà nell'ambiente e si fece largo nel sottobosco delle groupie e delle band locali fino ad arrivare a personaggi del calibro di Keith Moon. Quella con Keith fu una prestazione particolare perché si strappo una gamba dei pantaloni per dare alla giovane artista, ancora agli esordi, un grembiule per il suo lavoro. Poi arrivò Jimi Hendrix che, come ricorda ancora Cynthia, ha fornito a tutt'oggi una delle performance "di maggior spessore", lavorandosi lo stampo nel quale era rimasto bloccato per quindici minuti.

Nel tempo arrivò anche la protezione di un mecenate d'eccezione, Frank Zappa, che era già impegnato a gestire le GTO's, una band formata interamente da groupies.

Nel tempo, la fama di questa artista non ha perso troppo smalto: Cynthia ha fatto delle mostre per il mondo del suo lavoro, e tuttora nasconde la sua vera professione ai suoi genitori. E' stato girato un documentario su di lei ed esiste una imagesfondazione a suo nome che cerca di sostenere gli artisti in difficoltà.

Cynthia dà sempre una mano, ebbrava lei.

 

Le cinque canzoni per rimanere di stucco:

. Kiss - Plaster Caster

. Jim Croce - Five Short Minutes

. Jimi Hendrix - Stone Free

. Dead Kennedys - Too Drunk To Fuck

. Peaches & Iggy Pop - Kick It [ebbene sì, Cynthia ha fatto calchi anche al gentil sesso]

 
I'm the lizard king, I can do anything PDF Stampa E-mail
Scritto da CHIARA UGOSETTI   
Giovedì 15 Marzo 2012 13:43

pamela-des-barres zoomCredo che per il primo intervento per la rubrica LA GAMBA DEL GIORNO, sia doveroso lasciar parlare una delle regine del backstage. Incoronata come la prima vera groupie della storia, Pamela Des Barres, al secolo Pamela Ann Miller, si è avvicinata al mondo del rock da giovanissima frequentando la crème de la crème degli artisti. Volete dei nomi? Ve ne anticipo tre, che involontariamente iniziano tutti per J perché si sa che noi fanatici del rock, ci facciamo caso a queste casualità. All'appello sono: il romanticone Jimmy Page, il geniale Mick Jagger e il divertente Jim Morrison. Gli aggettivi ovviamente non sono frutto della mia esperienza - magari -, ma di quella di Miss Pamela.
Proprio ieri sera guardando il film sui The Doors, dal titolo omonimo al nome della band, mi sono detta di iniziare a scrivere sul blog di Tre Donne E Una Gamba, riportando l'episodio in cui Jim e Pamela si sono incontrati. Il Re Lucertola è sempre stato dipinto come Dioniso, come il sesso in carne ed ossa, come uno sciamano capace di portare una folla intera - soprattutto di donzelle - in trance. Ecco quello che ricorda Pam di quel vortice di Mister Morrison:

"Andai sul retro del locale e mi appollaiai spudoratamente sulle scale che portavano alla porta del backstage. Portavo un paio di pantaloni a zampa di elefante a strisce bianche e nere cuciti a mano e reggevo il mio patetico ma prezioso cappotto di pelliccia di topo muschiato e un bicchiere di succo d’arancia pieno di Trimar. Riuscivo a sentire il resto della band che provava dentro e speravo disperatamente che Jim arrivasse senza la rossa [la fidanzata di Jim, ndr], mi tirasse su da terra, mi portasse con sé nel backstage e mi baciasse sulle labbra. Ed è esattamente così che andò.

Avevo un paio di fazzoletti dentro la borsa fatta a mano a strisce bianche e nere coordinata con il completo e durante la nostra performance indulgemmo ampiamente in droghe nocive per le nostre menti. Prima di allora non avevo mai baciato qualcuno mentre ero strafatta e fu una rivelazione! Mi sciolsi dentro la sua bocca come miele, mentre il mio corpo diventava liquido e appiccicoso e le sue dita sulla faccia mi passavano attraverso le guance come fossero di fiamme e lasciavano aperti i buchi da cui fuoriusciva altro miele. Mi misi seduta immobile su una pozzanghera appiccicosa mentre lui salì sul palco a provare i suoi gemiti e quando ebbe finito io ero tornata in me. Mi prese per mano e ci arrampicammo per una scala sgangherata e raggiungemmo un soppalco squallido e buio dove c’era tutta una serie di vecchi impianti luce che si stavano arrugginendo, e dopo essersi fatto dare il cappotto di pelliccia di topo muschiato lo distese sulle travi di legno come se fossi una fanciulla da soccorrere.

Che viso che aveva! jim morrisonUno dei doni più preziosi elargiti da Dio al Rock’n’Roll era la faccia di quel tizio. E in quel momento era esattamente sopra di me, con le labbra aperte e gli occhi chiusi, un momento sfocato e un momento nitido mentre inalavo il fazzoletto. Ci rotolammo lì sopra per un tempo senza tempo finché un suono familiare ci fece lentamente riprendere i sensi. Jim lo riconobbe prima di me ed era già diretto verso la scala quando io mi misi a sedere e sentii i primi accordi di Light My Fire . Era ancora il sound check? Mi rimisi i vestiti mentre seguivo Jim e appena arrivò al microfono guardai giù e vidi la sala piena di gente che si contorceva e dimenava! ERO SUL PALCO INSIEME AI DOORS, con la bocca spalancata, trascinando il mio cappotto sbrindellato, la mia mezza boccetta di Trimar e i miei fazzoletti zuppi, troppo sconvolta per riuscire a muovermi. Una specie di roadie mi prese per la vita e mi scortò dietro le quinte dove aspettai che Jim mi venisse a recuperare dopo lo spettacolo, cosa che fece con mia grande gioia".

Credo di non aver altro da aggiungere, se non che sono felicissima di aver inaugurato la rubrica LA GAMBA DEL GIORNO con un racconto da backstage di Miss Pamela Des Barres!

With rock'n'roll,

Chiara

 

Le cinque canzoni per cavalcare il serpente:

. The Doors - Break On Through (To the Other Side)

. The Doors - Back Door Man

. The Doors - L.A. Woman

. The Doors - Peace Frog

. The Doors - The End

 
Coming(...) Soon PDF Stampa E-mail
Scritto da TREDONNE E UNA GAMBA   
Martedì 13 Marzo 2012 17:46

METTETE IN CARICA I VIBRATORI, SIAMO TORNATE!

(questo è un post di prova, però è vero che siamo tornate!)

Giulia, Lara e Chiara